Forum

Message posted on : 31/10/2010
Author : (1)
Topic : PNEUMATEOLOGIA (visione riflessa)

.

"LUI"
MI CONOSCE IN CONFEZIONE,
IO LO CONOSCO IN FUNZIONE.

...

.1.

Non so se ti sei soffermato ora davanti a quel "Lui" che compare in apertura del tema.
Desidererei che tu lo faccia. e che in quel "Lui" tu ci metta il nome di persona che ci va.
Occorre allora chiedersi: "Lui", ma chi è ?
Chi sarà mai colui che mi ha confezionato?...
Sono quasi certo che tu ora starai pensando a Dio che ti ha creato.
Forse, in questo attimo, sono da solo io a pensare diversamente.
Se è Dio che mi conosce in confezione, tutto quello che sono e che faccio ha la completa approvazione.
E allora diciamo: sì, Lui mi ha fatto su così!
E si vanno così scaricando su di Lui anche gli eventuali mali, che andiamo palesando nel nostro fare.
Sta di fatto, però, che io in quel "Lui" ci vedo una persona angelica fattasi demoniaca: ci vedo "Satana".
"Lui" mi conosce in confezione: cioè è Lui che mi ha confezionato in questo modo.
Intendiamoci subito, però: la sua non è la mia totale confezione: quella, l'ho avuta in parte dai miei genitori, e precisamente il mio corpo animato; in parte dallo Pneuma Paterno (Lo Spirito Santo: Pneuma, unito al Padre: Paterno), e precisamente lo spirito Spiritato (la mia anima: spirito, spiritualizzata - spiritato - dallo Spirito Santo).
E la congiunzione di questi due elementi mi ha fatto essere quello che cominciai ad essere.
Quella di Satana è quindi una seconda confezione, è una ri-confezione.

(Satana conosce anche Gesù, ma in modo diverso.
Parla di Gesù sfacciatamente, nella speranza di creargli delle difficoltà, ma Gesù gli impone severamente di tacere: 'Taci!'.
Gesù - ci riferisce il Vangelo - non permetteva ai demoni di parlare, perchè lo conoscevano.
La conoscenza di sè voleva dosarla Lui, personalmente.
E la gente - dice ancora il Vangelo - rimane meravigliata: 'comanda loro, ed essi gli obbediscono'.
Anche noi, come la gente di allora, forse non conosciamo più chi siano questi demoni.
Gesù ha passato alla sua Chiesa una certa conoscenza di Satana.
La indicherei come una conoscenza puramente esteriore, esterna.
Riguardo a Lui: è il nemico di Dio, e da Lui condannato al fuoco eterno.
Riguardo a noi: Lui è il nostro tentatore al male del peccato.
Satana, ai nostri giorni, ha ottenuto un risultato da sempre agognato: è riuscito a farsi dimenticare, a non lasciarsi più dire: l'ha ottenuto dalla Chiesa cristiana.
Di Lui, oggi, non si fa più parola, se non isolatamente.
Si educa al bene, sottraendo il male.
In effetti, Papa Paolo VI ha cercato di parlarne; ma l'ha fatto solo esteriormente, e quel ripetere da parte sua le conoscenze del passato non ha avuto alcun seguito.
Satana, in effetti, non vuol lasciarsi nominare, proprio perchè ama il nascondimento completo)


Satana, dunque, mi ha confezionato.
E per farlo ha impiegato il materiale che in me ha trovato, cioè il mio corpo animato e il mio spirito Spiritato.
Ha sfruttato la mia anima, il mio spirito, ma sopratutto lo Pneuma Paterno, di cui fui battezzato e cresimato nel momento della mia concezione umana*.

* Il Battesimo e la Cresima veri e propri - e non intesi come sacramenti o cerimonie - sono avvenuti ala momento della mia concezione, quando lo Spirito Santo unito al Padre si è unito anche a me, facendo così di me un battezzato e un cresimato secondo lo Pneuma Paterno.
Battesimo e Cresima, in questa ottica, sono strettamente uniti, sono un'unica realtà sostanziale, poi divisasi nel percorso storico della persona.

Satana mi ha confezionato, seguendo questi passaggi:
1) Gli occorreva un istinto al comando: me lo ricava spezzandomi la comunione con il Padre.
2) Gli occorreva uno Pneuma Paterno alla mercè dell'istinto, e lo ottiene infondendogli la forma dell'istinto: me lo ha cioè istintivizzato.
3) Gli occorreva uno Pneuma Paterno trasformato in morte dentro di me: me lo ha egoisticizzato, e quindi infernalizzato: ecco che qui c'è morte e agente della morte.
Il Padre muore in me, e lo Pneuma è l'agente (che fa agire) di questo morire.
4) Gli occorreva il mio spirito al servizio totale di questo Pneuma Paterno così ridotto, e alla mercè dell'istinto: me lo ha schiavizzato.
Il tutto, in una perfetta comunione, e per tutta la mia vita presente.

.

per info, scrivere a don Luciano
eremita in citta marketingeremita in citta