Forum

Message posted on : 31/10/2010
Author : (6)
Topic : PNEUMATEOLOGIA (visione riflessa)


.

L'AMORE DI ODIO MI VUOLE GRANDE, MI VUOLE POTENTE, MI VUOLE GAUDENTE.

----------------------------------

Satana mi ha confezionato, e la sua confezione funziona così: ogni tocco esterno arriva al centro della persona.
Si immerge poi nello spirito di amore del Padre, e se ne carica secondo la sua capacità.
E ne emerge così carico di amore.

a) Da quel momento lo chiamo tocco di amore.
E ogni tocco di amore mi dà il suo sentire.
Se il tocco di amore è per me, sento che mi piace; se invece è contro di me, sento che non mi piace.
Se sento che mi piace, tutto il suo amore va per quella cosa o per quella persona.
Se sento invece che non mi piace, tutto il suo amore gli va contro.
L'amore contro non è altro che odio.

b) Da questo momento possiamo dunque cominciare a parlare di amore di odio o di amore di morte.
L'amore per me è tutto odio, è tutta morte viva dell'amore.
In base a che cosa l'amore nel tocco mi dà quel duplice, diverso sentire?
Nell'amore Paterno egoisticizzato, c'è una volontà istintiva.
Per istinto l'amore Paterno mi vuole con alcune precise qualità, e me le vuole nel modo più assoluto, senza mai ammettere alcun compromesso, neppure minimo.

.1.

L'amore di odio mi vuole sempre grande, mai piccolo.
Grande: davanti a me, davanti agli altri e davanti a Dio.
Se non riesce a rendermi tale davanti a me stesso, io mi rodo di rabbia.
Se non riesce a rendermi tale davanti agli altri, io mi consumo nell'invidia.
Se non riesce a rendermi tale di fronte a Dio, per vendetta mi fa gridare la mia sconfitta.
Ma mi fa falsamente grande: grande di morte.
Per farmi grande l'amore di odio mi suggerisce qualsiasi mezzo, ma tutti quanti e sempre di menzogna.
Mi faccio dunque grande con ogni sorta di menzogna.
E' evidente che l'amore per me mi vuole grande non per l'al di là, ma solamente per qui e ora: mi vuole grande in questo mondo, e in questa vita.
E per questo, mette mano su tutto il bene che è a mia disposizione.
Più bene abbiamo, più grandi ci sentiamo.
Questo, in effetti, è il pericolo infernale incombente sulle persone di Chiesa, e in particolare sui sacerdoti.

..2..

L'amore di odio mi vuole potente: è la mia grandezza che ora può fare tutto ciò che vuole.
Grandezza e potenza: si alimentano a vicenda.
E' la calamita dell'associazione.
Uniti.
Associati per potere quello che da soli non possiamo.

...3...

L'amore di odio mi vuole gaudente.
Per questo siamo pronti a tutti i piaceri della vita, e per conseguirli non trascuriamo mai nè la grandezza nè la potenza.

L'amore di odio mi forma così come una persona infernale: grande, potente, gaudente, qui e ora, in questa mia vita.

.




per info, scrivere a don Luciano
eremita in citta marketingeremita in citta