Forum

Message posted on : 13/11/2010
Author : don Luciano
Topic : Esercizi di Preghiera (xxxxx)


. . . . .

ESERCIZIO DEL SILENZIO ATTIVO

COSE E PERSONE CHE PARLANO DI DIO

. . . . .

Cose e persone che incontro sul mio cammino, che apparentemente e superficialmente non dicono nulla.
Ma se ascolto meglio, la mia coscienza attiva un silenzio di ascolto in esse: esse mi parlano di me, e di Dio; e attraverso esse io parlo con Dio e lo ascolto.

. . . . .

Esempi:

- Una scatola chiusa -

Conservare dentro di me una realtà è utile, ma Tu Signore mi chiedi di aprire quella scatola, e prendere le cose utili e me, a Te, a tutti.
La tua Parola "rompe le scatole" al mio agire troppo comodo, accomodante e conservante delle cose tali e quali.
Quella scatola è il mio cuore.
Quella scatola è come un tabernacolo della coscienza, che devo saper chiudere e saper aprire con prudenza, rispetto, attenzione.

- Un tavolo -

Sedermi a un tavolo per dialogare, per condividere il cibo materiale e morale con il mio prossimo, al tavolo eucaristico per condividere con Te.
Stare uno di fronte all'altro è fatica, se non è solo per il piacere, ma per crescere insieme.
Siediti accanto a me, Signore, anzi, di fronte.
Ma forse ci sei già, e non me ne accorgo ancora, chiunque, oggi, troverò seduto al tavolo della mia vita.

- Un dolore -

Un dolore che si protrae, e mi fa volgere sempre più lo sguardo su me, sui miei problemi di salute; dimenticando l'altro, il mondo, e Te.
Dimentico che Tu sei qui, in questo dolore, e esso è il segno di Te.
Cosa mi vuoi dire in questo dolore, Signore?
Forse che anche tu stai soffrendo ora non solo come me, ma con me?
Con tutti i dolori?

- Incontro -

Quel signore non mi ha salutato.
Ma che cosa io ho fatto verso di lui?
Aspettavo che lui mi salutasse.
E perchè non ho iniziato io a porre un segno, un cenno di saluto?
Perchè aspetto sempre che Dio mi parli, che si faccia avanti, e invece non accenno io a un invito?
Dio è invadente o no?
Aspetta il mio saluto, o forse è già Lui nel mio sentirmi a disagio a farmi capire che mi aveva salutato, e io ero distratto?

- Funerale -

Quante realtà muoiono in me e attorno a me!
Quante realtà faccio morire!
Forse faccio morire anche Dio nel mio fare, nel mio dire, nel mio pensare.
Dove?
Quando?
Perchè?
Aiutami, Signore, a far risuscitare le realtà morte di me, attorno a me, di Te.
Aiutami a fare le cose come se fosse la prima, l'unica e l'ultima volta che le vivo.
Come cambiano quelle cose!

. . . . .


per info, scrivere a don Luciano
eremita in citta marketingeremita in citta